Il ponte dei Nisei, quando i nippo americani liberarono Firenze

1 month fa scritto da
Nisei al Ponte dei Cazzotti a Mantignano
img

Il ponte dei Nisei a Firenze. E’ una semplice scritta verniciata su un ponte da demolire nell’immediata periferia di Firenze. Eppure racconta una storia che vale la pena non dimenticare. Per la tradizione fiorentina è il ponte dei cazzotti. Lo avevano chiamato così perché era stato realizzato stretto e, per il diritto di precedenza, contadini e ortolani (che abitavano la zona all’epoca prevalentemente agricola) finivano spesso per passare alle vie di fatto. Ma per la storia, quel ponte è una delle testimonianze ancora tangibili del passaggio della seconda guerra mondiale.

Rievocazioni sul ponte dei Nisei

Rievocazioni sul ponte dei Nisei a Firenze

Su uno dei lati è ancora leggibile una scritta ‘Los Angeles city limits, aug ’44 – 442 co G’. Da quel ponte passarono nell’agosto ’44, nei giorni della liberazione di Firenze, i soldati nippo americani del 442° reggimento (compagnia G). Lasciarono la scritta quasi a voler estendere simbolicamente i confini della città di Los Angeles. Diversi di loro arrivavano dalla California, ma quella scritta era ripresa da un film di guerra molto in voga in quegli anni negli Stati Uniti: ‘Destinazione Tokyo’ uscito nel 1943, protagonista Cary Grant. La pellicola racconta la missione segreta del sommergibile Copperfin, inviato nella baia di Tokyo per effettuare alcuni rilievi meteorologici indispensabili al successo della raid di Doolittle, la prima incursione aerea sulla capitale del Giappone successiva all’attacco di Pearl Harbor. E proprio al termine di questa missione, i protagonisti del film prima di abbandonare la baia, lasciano in una grotta la scritta ‘Los Angeles city limits’. Una beffa per il nemico, così come quella che i nippo americani intesero lasciare sul ponte alle porte di Firenze.

La locandina di Destinazione Tokyo

La locandina di Destinazione Tokyo

Il Ponte dei Nisei, nonostante l’ordine di demolizione, rappresenta un segnaposto della storia anche per altri episodi legati alla Resistenza (i partigiani ebbero uno scontro a fuoco coi tedeschi per impedire che il manufatto, minato come gli altri ponti di Firenze, fosse fatto saltare in aria). E non mancano le iniziative per tentare di salvarlo. Almeno salvare quella scritta che è una testimonianza viva di quel tempo.

Nisei al Ponte dei Cazzotti a Mantignano

Rievocazioni al Ponte dei Nisei a Firenze

Nisei al Ponte dei Cazzotti a Mantignano

Rievocazioni al Ponte dei Nisei a Firenze

I nippo americani dopo Pearl Harbor

La maggior parte degli americani giapponesi che hanno combattuto nella seconda guerra mondiale erano Nisei (questo è il termine usato in Giappone per riferirsi ai nipponici nati fuori dai confini della patria). La loro storia in guerra viene spesso accomunata, per le difficoltà che incontrarono ai loro commilitoni di colore della divisione Buffalo che combatterono contro la discriminazione razziale, oltre che contro il nazi fascismo.

Poco dopo l’attacco della Marina imperiale giapponese a Pearl Harbor il 7 dicembre 1941, i nippo americani vennero inizialmente classificati come stranieri nemici. Il 19 febbraio 1942, il presidente Franklin D. Roosevelt firmò l’ordine esecutivo 9066, autorizzando le autorità militari a organizzare aree di raccolta per gli stranieri sgraditi. Sebbene l’ordine non si riferisse specificamente a persone di origine giapponese, nell’applicazione era stato pensato espressamente per i nippo americani della West Coast. Nel marzo 1942, il tenente generale John L. DeWitt, capo del comando di difesa occidentale e della quarta armata, emise i primi proclami militari che portarono al trasferimento forzato dalle loro residenze in campi di ricollocamento custoditi di oltre 110.000 persone di origine giapponese. Due terzi di loro erano nati negli Stati Uniti.

La costituzione del 442th infantry regiment

Soldati del 442° reggimento (ph US Army Signal Corps)

Soldati del 442° reggimento (ph US Army Signal Corps)

Alle Hawaii, i militari avevano imposto la legge marziale, completa di coprifuoco e blackout. Poiché gran parte della popolazione era di origine giapponese (150.000 su 400.000 persone nel 1937), l’internamento fu ritenuto non pratico; fu fortemente contrastato dalla comunità imprenditoriale dell’isola, che era dipendente dalla forza lavoro composta da nisei. Quando il Dipartimento di Guerra chiese la rimozione di tutti i soldati di origine giapponese dal servizio attivo all’inizio del 1942, il generale Delos C. Emmons, comandante dell’esercito americano alle Hawaii, decise di scaricare quelli della Guardia Territoriale, composta principalmente da Studenti universitari. Tuttavia, permise agli oltre 1.300 soldati giapponesi-americani del 298° e del 299 ° reggimento di fanteria della Guardia Nazionale delle Hawaii di rimanere in servizio. Il generale Emmons, preoccupato per la lealtà dei soldati giapponese-americani in caso di invasione imperiale, raccomandò al dipartimento di guerra di formare un battaglione provvisorio hawaiano da inviare sulla terraferma per l’addestramento. Così fu fatto. Il battaglione provvisorio hawaiano salpò per l’addestramento, i soldati furono inviati a Camp McCoy, nel Wisconsin. Successivamente il Dipartimento di Guerra ordinò di attivare una squadra di combattimento giapponese-americana comprendente il 442d reggimento di fanteria, il 522d Field Artillery Battalion e la 232d Engineer Combat Company. Come per la Buffalo, i quadri erano Nisei, mentre gli ufficiali di grado in comando e i capitani dovevano essere bianchi. Altri ufficiali (tenenti di prima e seconda) potevano essere giapponesi ‘nella misura del possibile’ recitava l’ordine del 22 gennaio ‘43

L’impiego bellico dei Nisei

A partire dal 1944, il reggimento combatté principalmente nel teatro europeo; in particolare in Italia, Francia meridionale e Germania. Molti soldati continuarono ad avere le famiglie nei campi di internamento mentre combattevano all’estero. Il 442° reggimento è l’unità più decorata della storia militare degli Stati Uniti. Ha ottenuto oltre 18.000 premi in meno di due anni, tra cui 9.486 Purple Hearts e 4.000 medaglie di bronze star. L’unità ricevette otto citazioni di unità presidenziali. Ventuno dei suoi membri sono stati premiati con medaglie d’onore. Nel 2010, la Medaglia d’oro del Congresso è stata assegnata alla 442a squadra di combattimento del reggimento e alle unità associate che hanno prestato servizio durante la seconda guerra mondiale, e nel 2012, tutti i membri sopravvissuti sono stati resi cavalieri della Légion d’Honneur francese per le loro azioni a sostegno della liberazione della Francia.

Il 442 vide un pesante combattimento durante la seconda guerra mondiale. Sebbene fosse permesso arruolarsi come volontari per andare in guerra, agli americani di origine giapponese fu generalmente vietato combattere in nei teatri del Pacifico. Nessun limite di questo tipo fu posto agli americani di origine tedesca o italiana, che furono assegnati a unità che combattevano contro le Potenze dell’Asse al Teatro Europeo. Molti uomini ritenuti abbastanza abili nella lingua giapponese furono contattati, o talvolta ordinati, per unirsi al Servizio di informazione militare (MIS) per servire come traduttori / interpreti e spie nel Pacifico, così come nei teatri cinesi o indiani.

Il teatro italiano per gli uomini del 442th

Sbarcarono ad Anzio il 28 Maggio. Ebbero battesimo del fuoco e combatterono anche a Monte Cassino. L’alto tasso di perdite del 100 ° battaglione ad Anzio e Monte Cassino gli valse il soprannome non ufficiale “Battaglione cuore viola”. Poi ci furono gli scontri in Toscana, a partire da Belvedere a Suvereto. Dopo solo alcuni giorni di riposo, il 442 entrò nuovamente in combattimento il 1 luglio, prendendo Cecina e spostandosi verso il fiume Arno. Il 2 luglio, mentre il 442° si avvicinava all’Arno, il 5 ° battaglione iniziò una battaglia combattuta per conquistare la collina 140, mentre il 7 luglio il 100 ° combatté per la città di Castellina Marittima. Fino al 25 luglio, il 442 incontrò una forte resistenza da ogni città quando raggiunsero il fiume Arno, ponendo fine alla campagna Roma-Arno. I 100/442 subirono perdite di 1.272 uomini (17 dispersi, 44 feriti non da combattimento, 972 feriti e 239 morti). Si riposarono dal 25 luglio al 15 agosto, quando il 442 si mosse per pattugliare l’Arno lungo le sponde fiorentine. Ed è qui che incrociarono il ponte dei cazzotti, attraversamento sulla Greve, massimo affluente dell’Arno che si trova a due passi verso le Cascine. Qui lasciarono la scritta Los Angeles city limits. Attraversare l’Arno il 31 agosto fu relativamente semplice, poiché furono sorvegliati sul lato nord del fiume per la costruzione di ponti. Successivamente i nippo americani furono inviati nel sud della Francia a combattere.

Nisei nelle montagne dei Vosgi (ph National Archives)

Nisei nelle montagne dei Vosgi (ph National Archives)

L’ultimo assalto sulla Gotica

Torneranno in Italia il 23 marzo 1945 per espressa richiesta del generale Clark comandante della V armata. Arrivarono a Livorno, insieme alla 92^ divisione. La V Armata era stata bloccata sulla Linea Gotica per i cinque mesi precedenti. Il 442 ° affrontò un terreno estremamente duro, dove l’Appennino si solleva dal Mar Ligure. Qui i nippo americani incontrarono i militari di colore della Buffalo, si impegnarono in questo quadrante con le truppe francesi e britanniche, con la brigata ebraica e la FEB, la Forza di spedizione brasiliana. Sferrarono l’attacco sul lato sinistro della Gotica, mentre a destra si sfondava lungo il Senio, e al centro tra Futa e Giogo si apriva il varco verso Bologna.

Tedeschi si arrendono ai Nisei durante la campagna d'Italia (ph National Archives)

Tedeschi si arrendono ai Nisei durante la campagna d’Italia (ph National Archives)

I Nisei aprirono una breccia; a partire dal 17 aprile i tedeschi decisero di distruggere le loro fortificazioni e di ritirarsi per prendere una posizione finale ad Aulla. L’ultima difesa tedesca in Italia fu il Monte Nebbione, direttamente a sud di Aulla. San Terenzo si trovava a est del monte Nobbione e divenne il punto di partenza per l’assalto di Aulla. La guida finale della 442 ° iniziò il 19 aprile e durò fino al 23 aprile, quando il 3 ° battaglione prese finalmente il monte Nebbione e il monte Carbolo. Dopo la caduta di San Terenzo, il 2 ° battaglione si agganciò proprio attorno alle montagne e la Task Force Fukuda (composta dalle compagnie B e F dal 2 ° battaglione) affiancò a sinistra dal Monte Carbolo creando una mossa a tenaglia su Aulla: il 25 aprile Aulla cadde e la ritirata tedesca fu interrotta. Nei giorni seguenti, i tedeschi iniziarono ad arrendersi a centinaia e migliaia al quinto e ottavo esercito. Il 2 maggio la guerra finì in Italia, seguita sei giorni dopo dalla Vittoria in Europa.

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Seconda guerra
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet