Missione Usa in Sicilia per riportare a casa caduti della seconda guerra

1 month fa scritto da
Dpaa in Sicilia per una missione di ricerca MIA
img

L’agenzia Usa che si occupa di recuperare caduti in battaglia è in questi giorni al lavoro in Sicilia nella zona di Sciacca per una missione di recupero che va avanti da quattro anni. In quest’area risultano dispersi sei militari dell’Usaf che volavano a bordo di un A20 e di un B25 abbattuti dalla contraerea dell’Asse nella zona del cosiddetto aeroporto fantasma che si trovava in contrada Scunchipani. Gli aerei vennero abbattuti il 3 e il 10 luglio del 1943, nel pieno della preparazione e dell’azione dell’operazione Husky, lo sbarco delle Forze Alleate in Sicilia.
Il team della Defense Pow/Mia Accounting Agency sono a Sciacca per rintracciarne i resti umani e riportarli a Casa. Il primo tentativo risale al 2007, ma missioni sono state organizzate anche nel 2017 e nell’ottobre scorso. Ora è arrivato il momento di scavare. Proveranno a portare a termine la missione  e cercare su più aree indicate da alcune testimonianze. Su una in particolare, segnata in una mappa risalente al 1947-1948, vennero visti pezzi di aereo e recuperato un pilota.
Solo nel secondo conflitto – secondo i dati – sono circa 73 mila i MIA americani, 1.400 in Italia. Sono complessivamente 12 i militari americani ricercati nell’isola.

(foto courtesy of DPAA)

Dpaa in Sicilia per una missione di ricerca MIA

La missione va avanti nonostante la pioggia

 

Shares 0
Article Categories:
Seconda guerra
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet