Diamond T 6×6, i mezzi della seconda guerra mondiale

2 weeks fa scritto da
img

Diamond T, il bisonte olive drab. Era uno dei giganti della strada, camion che l’esercito Usa utilizzò nella seconda guerra mondiale in diversi allestimenti.  Il camion Diamond T da 4 tonnellate 6×6, era un mezzo tattico pesante. La sua nomenclatura ufficiale era G-509. I modelli Cargo furono progettati per trasportare un carico di 4 tonnellate (3.600 kg) su tutti i terreni in qualsiasi condizione atmosferica. C’erano anche demolitori, discarica e altri modelli. Restarono in servizio fino agli anni ’50, quando vennero sostituiti dai camion 6×6 serie M39 da 5 tonnellate. La storia di questo mezzo comincia tra il 1939 e il 194, quando l’Army Ordnance Corps iniziò a sviluppare una linea completa di camion tattici in grado di operare su tutte le strade e terreni di fondo con qualsiasi condizione atmosferica. Gli autocarri a sei ruote motrici con carico nominale di 4 tonnellate (3.600 kg) avevano avuto successo nel trainare l’artiglieria negli anni ’30, le dimensioni sarebbero state standardizzate per trainare il nuovo obice M1 da 155 mm. Si misero al lavoro Autocar, Diamond T e White, Diamond T costruì 1.000 Model 967 nel 1940. Nel 1941 il loro modello 968 migliorato fu standardizzato ed entrò in produzione nel loro stabilimento di Chicago. Avrebbero costruito oltre 30.000 telai tra il 1940 e il 1945.

Diamond T 6x6

Il motore Hercules

Un mezzo mitico, raro e complicato da restaurare, ma dalle indubbie soddisfazioni, come si evince nel video di presentazione del progetto di recupero realizzato dall’esperto restauratore Alberto Simonelli con il suo team di tecnici e studiosi. “Un restauro che ho voluto fare insieme ai mei ragazzi – ha detto Simonelli – dei tanti restauri di mezzi militari che ho portato a termine, sicuramente questo è stato il progetto più avvincente, visto che quello che ho recuperato, in Italia è l’unico esemplare in circolazione perfettamente funzionante”.

Sviluppato per l’artiglieria, il camion è stato utilizzato anche dall’Engineers corps per carico e scarico e altre funzioni speciali. Furono anche costruite una gru per armi chimiche e una versione cargo extra lunga per il Canada. Oltre ai camion costruiti per il Canada, 2.245 sono stati esportati ai sensi del Lend-Lease Act, la maggior parte verso i britannici, i francesi e i canadesi.

Caratteristiche tecniche del Diamond

Diamond T 6x6

Diamond T Model 968

Tutti i modelli standard utilizzavano motori Hercules RXC, un motore a benzina a 6 cilindri in linea con testa a L da 529 cu in (8,7 L) che sviluppava 131 cavalli (98 kW) a 2100 giri/min e 396 libbre forza-piedi (537 Nm) di coppia a 1000 giri/min.

È stato utilizzato un cambio manuale a 5 marce con una prima molto bassa e una 5a marcia overdrive. Al cambio era abbinato un riduttore con la folle per la presa di forza che innestava dall’asse anteriore. Gli assali erano del tipo “zucca” a doppia riduzione Timken.

Diamond T 6x6

Lo schema del cambio

La maggior parte dei camion aveva un verricello Gar Wood da 15.000 libbre (6.800 kg) montato frontalmente con 300 piedi (91 m) di cavo. L’argano era fuori dalla trasmissione con cambio in folle, ed era stato azionato dall’interno della cabina. Tutti i modelli avevano un telaio a scala con tre assi vivi, la parte anteriore su molle a balestra, gli assi tandem posteriori su molle a balestra con bracci di posizionamento. I camion avevano due passi: lo standard 151 pollici (3,8 m) e il lungo 172 pollici (4,4 m) utilizzati dal camion da carico pontone. I pneumatici erano 9.00×20 con pneumatici posteriori doppi. I freni erano ad aria piena con freni a tamburo su tutte le ruote. I collegamenti pneumatici del rimorchio applicavano i freni del rimorchio con i freni del camion e una leva a mano poteva applicare solo i freni del rimorchio. I primi modelli avevano cabine di tipo commerciale, nel giugno 1944 furono introdotte cabine di tipo militare aperte. Questi erano più facili da usare in combattimento e riducevano anche l’altezza di spedizione, molto importante all’epoca. Entrambi i tipi di cabina possono essere dotati di anello per un calibro .50. mitragliatrice e ogni quarto camion era dotato di uno

Le versioni del Diamond

Modello 969, era il camion base utilizzato per trainare l’obice M1 da 155 mm e trasportare i serventi, l’equipaggiamento e le munizioni. Avevano un gancio a perno nella parte posteriore per trainare fino a 11.000 libbre (5.000 kg) fuoristrada e 25.000 libbre (11.000 kg) su strada. Con un passo corto e uno sbalzo posteriore, il corpo poteva essere lungo solo 11 piedi (3,4 m). Aveva panche ribaltabili per le truppe e archi per un telone sopraelevato. Due ruote di scorta erano montate all’interno della carrozzeria, nella parte anteriore. I primi modelli avevano tutto il corpo in acciaio; nel 1942 furono sostituiti da tipi in gran parte di legno per conservare il metallo

Diamond T 6x6

Diamond T 972

Demolitore modello 969 – Il demolitore aveva un design a doppio braccio Holmes con un braccio oscillante e un cavo di sollevamento elettrico su ciascun lato. Durante il traino i bracci venivano ruotati all’indietro, collegati alle estremità e funzionavano come un unico telaio ad A. Quando si sollevano i bracci possono essere separati e ruotati del 90% in avanti di lato, uno stabilizzatore può essere abbassato per aumentare la capacità di sollevamento. Una presa di forza sulla scatola di trasferimento azionava una trasmissione con due argani nel telaio del demolitore.

Ponton Modello 970 – Aveva un vano di carico limitato, gli ingegneri volevano un modello con un corpo più grande per trasportare i pontoni del ponte. La ruota di scorta è stata spostata dietro la cabina e un letto lungo 3,66 m è stato posizionato più indietro sul telaio. Il passo è stato aumentato mentre il tandem posteriore è stato spostato indietro per la distribuzione del peso. Poteva trainare 11.000 libbre (5.000 kg) fuoristrada e 25.000 libbre (11.000 kg) su strada come modello base, ma aveva un raggio di sterzata più ampio.

Diamond T 6x6

Diamond T 969

Modello 972 con pianale di carico e scarico – Avwva un vano di carico lungo 12 piedi (3,7 m) di 4 iarde cubiche (3 mc) che veniva sollevato e abbassato da un cilindro idraulico e una disposizione a leva sotto il corpo. Una presa di forza sulla scatola di rinvio, utilizzata con la trasmissione in marcia, azionava la pompa idraulica, i comandi erano all’interno della cabina. Il corpo aveva un portellone posteriore incernierato dall’alto o dal basso. Quando il portellone era incernierato nella parte superiore, la parte inferiore poteva essere aperta durante lo scarico con una leva nell’angolo anteriore sinistro della carrozzeria, appena dietro il finestrino del conducente.

Mezzi speciali  – Oltre ai gettaponte e ai dumper, gli ingegneri hanno utilizzato oltre 2.000 telai per carrozzerie speciali. Dalle autocisterne con ugelli sul retro per distribuire il liquido in modo uniforme quando il camion avanza, ai mezzi per posare l’asfalto. In più c’era il mezzo con verricello per issare attrezzature di grandi dimensioni. Il Chemical Warfare Service utilizzava un telaio a passo corto per un corpo del braccio oscillante standard utilizzato per sollevare e spostare contenitori di sostanze chimiche.

(foto Wikimedia Commons)

Diamond T 6x6

Un Diamond in dotazione alle truppe inglesi

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Mezzi
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet