A Pistoia il cippo commemorativo per le infermiere della Feb

3 weeks fa scritto da
feb pistoia
img

A Pistoia il cippo commemorativo per le infermiere della Feb, la forza di spedizione brasiliana che combatté in Toscana durante la seconda guerra mondiale.L’associazione Linea Gotica Pistoiese Onlus e l’Esercito Brasiliano hanno organizzato una manifestazione in piazza della Resistenza a Pistoia per la presentazione della stele dedicata alla memoria delle infermiere e del personale medico brasiliano del FEB (Força Expedicionária Brasileira) che operarono con il primo ospedale da campo nel 1944 a Pistoia.

La presentazione avverrà, purtroppo, a causa della pandemia, con le sole autorità istituzionali. L’inaugurazione, avrebbe dovuto svolgersi l’8 marzo per offrire un omaggio alle donne infermiere, nel giorno della loro festa. Presenti il Sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, il Colonnello André Luiz dos Santos Franco, addetto militare per l’Esercito presso Ambasciata Brasiliana e in rappresentanza diplomatica della stessa Ambasciata del Brasile a Roma, il Gonfalone della FEB portato dall’Assessore dell’Addetto (delegazione brasiliana), le autorità civili, religiose e militari.

feb pistoia

L’ospedale da campo alleato a Pistoia

L’amicizia tra il Brasile e la città di Pistoia si rinnova ancora una volta grazie all’apposizione di una stele commemorativa nell’area dedicata alla memoria del giardino di Piazza della Resistenza, in una aiuola posizionata di fronte all’entrata della Fortezza, ricordando la Força Expedicionária Brasileira ovvero la FEB, che negli anni della seconda guerra mondiale fecero parte della 5th armata. Il monumento è nato grazie a Linea Gotica Pistoiese Onlus e l’Esercito Brasiliano, che con una serie di studi hanno elaborato e resa operativa l’idea, grazie anche al fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, che da sempre sostiene le iniziative sul territorio.

Linea Gotica Pistoia Onlus ha lavorato in collaborazione e con il supporto dell’Addetto Militare della Ambasciata Brasiliana di Roma Colonnello André Luiz dos Santos Franco , inoltre con  il contributo del Tenente L. Caneschi  del Monumento votivo Brasiliano a Pistoia. La stele è realizzata in marmo grezzo con basamento in pietra. L’aiuola è stata interrata con terra brasiliana. Le targhe commemorative sono state realizzate in metallo satinato.

Il Presidente della Associazione Linea Gotica Onlus Paolo Franceschi ricorda che: “…con oltre 25.000 effettivi la FEB partecipò attivamente alla liberazione del nostro paese a riprova di ciò i 451 caduti in combattimento fra il personale di truppa e 13 ufficiali e 8 ufficiali pilota, a cui si sommano gli oltre duemila feriti sul campo o per malattie ed un complessivo di dodicimila uomini che riportarono lesioni più o meno permanenti.

La storia della Feb

feb pistoia

Soldati della Feb al fronte

La FEB arrivò in Italia nel settembre del 1944, in uno dei momenti più critici della guerra, infatti, per consentire l’apertura del fronte nel sud della Francia, l’alto comando alleato aveva tolto dal fronte italico numerose ed importanti divisioni creando, nel momento in cui si doveva attaccare i passi appenninici, una situazione di evidente debolezza rispetto ai difensori. Con il suo caratteristico distintivo raffigurante un serpente che fuma, il soldato della Feb venne inquadrato nella 5ª armata. Le prime battaglie misero anche in evidenza un’altra componente della FEB, ovvero quella Medica, di cui facevano parte un settantatré volontarie che avevano deciso di indossare l’uniforme e di sostenere lo sforzo bellico. Fu allestito a Pistoia il 16th Evaquation Hospital, che ospitò i feriti provenienti dall’Appennino, alcuni dei quali, purtroppo, non lasciarono mai il nostro paese. A loro ricordo sorse il Monumento Votivo Militare brasiliano, nel luogo dove i brasiliani trovarono una prima sepoltura…”.

Una preziosa riflessione arriva dal comunicato ufficiale del colonnello ANDRÉ LUIZ DOS SANTOS FRANCO: “..le infermiere congedate solo dopo essersi rivolte al tribunale ottennero il diritto di essere reintegrate nell’Esercito Brasiliano dove ripresero servizio attivo solo in forza di legge e nel periodo che intercorre dal congedo al 1954 svolsero altri lavori o si occuparono delle proprie famiglie. Il reintegro delle infermiere tra le fila dell’Esercito Brasiliano rappresenta “l’embrione” di quella che poi si concretizza con la presenza femminile delle donne nelle Forze Armate brasiliane…il Monumento Votivo Militare Brasiliano dedicato alle Infermiere della FEB che sarà inaugurato in Piazza della Resistenza a Pistoia l’8 marzo, Giornata Internazionale della Donna, sarà la testimonianza perenne del rapporto non solo percettivo ma anche poetico che mescolerà il presente e il passato delle donne della FEB, vere Paladine della Libertà….”

Brasiliani della Feb arrivano a Massarosa (Wikicommons)

Brasiliani della Feb arrivano a Massarosa (Wikicommons)

La rinnovata amicizia non è altro che il proseguo di quel legame che si creò tra la popolazione pistoiese e quei giovani soldati provenienti dal Brasile, chiamati pracinhas; la popolazione pistoiese seppe apprezzare il loro comportamento perché in quei tempi funesti e dolorosi portarono un po’ di spensieratezza e soprattutto gioia nei rapporti umani.

 

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Seconda guerra
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet