MCDCS, il nuovo pattern digitale per i tank del Royal Armoured Corp

7 months fa scritto da
Il nuovo pattern digitale dei Tank inglesi (foto British Army)
img

Un nuovo pattern digitale per i tank del Royal Armoured Corp. Il progetto Multi-Coloured Camouflage Scheme (MCDCS) è stato lanciato come risultato dell’esperienza delle truppe inglesi impiegate nella missione Nato in Estonia, delle lezioni raccolte dall’esperimento ‘Streetfighter’ del Royal Tank Regiment e di un bisogno riconosciuto da tempo di nascondersi, ingannare e sopravvivere sul campo di battaglia moderno. Secondo i dati delle analisi operative dell’esercito inglese, in combattimento i carri armati vengono distrutti da una distanza sorprendentemente ravvicinata. Per questo il mimetismo e la capacità di saper mantenere la capacità offensiva.

Il nuovo pattern digitale dei Tank inglesi (foto British Army)

(foto British Army)

Il pattern MCDCS è il prodotto di un progetto congiunto che coinvolge l’ATDU con sede nel Dorset, il Defense Science and Technology Laboratory (DSTL) e il Tank Museum. Il progetto è stato ideato per creare uno schema di mimetizzazione capace di ridurre il rilevamento, sia da parte dell’occhio umano che degli strumenti di mira abilitati dall’intelligenza artificiale, con l’obiettivo di ingannare il nemico e creare un vantaggio per il veicolo mimetizzato.

Le ‘dazzle’ Ships della I guerra mondiale

hms kildangan con mimetismo dazzle (foto Iwm)

Il pattugliatore Hms kildangan con mimetismo dazzle (foto Iwm/Wikicommons)

Utilizzando le informazioni d’archivio del Museo dei carri armati, inclusi gli schemi di mimetizzazione delle navi “abbaglianti”‘ della prima guerra mondiale, i progetti di pittura e inganno praticati nel deserto occidentale durante la seconda guerra mondiale e più recenti esperimenti di pittura negli anni ’60 e ’70 , sono stati stabiliti gli elementi principali. DSTL è stata quindi in grado di fornire materiali di verniciatura all’avanguardia che promuovono bassi livelli di rilevamento radar e un’elevata dissipazione del calore per creare l’MCDCS completo.

Infine, l’esperimento è stato testato praticamente da soldati con sede presso l’Armor Center dell’esercito dotati di vari tipi di apparecchiature di rilevamento, oltre che ad occhio nudo e binocoli. Nei test, MCDCS ha ridotto drasticamente sia il rilevamento che il riconoscimento a corto raggio critico (400-1500 metri). Un esempio dell’esercito che ascolta i suoi soldati, collabora con l’industria e il mondo accademico e produce una soluzione vincente.

Il nuovo pattern digitale dei Tank inglesi (foto British Army)

(foto British Army)

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Mezzi
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet