Paul Douglas, il prof di economia che diventò marine a 50 anni

2 months fa scritto da
il Prof Paul Douglas, marine a 50 anni (foto Marine Corps)
img

Paul Douglas aveva una carriera avviata. Professore di economia nelle principali università americane, assessore della città di Chicago, una famiglia. Ma nel 1942 lasciò tutto per arruolarsi nel Corpo dei Marines. L’età media di una recluta dei Marines è di 21 anni. Ma quando Paul Douglas si presentò al Recruit Depot di Parris Island aveva 50 anni ed è diventato il più anziano soldato mai inquadrato nel corpo dei Marines degli Stati Uniti.

Paul Douglas era nato nel 1892 a Salem in Massachussets, un master alla Columbia University, studi ad Harvard e poi dal 1916 varie cattedre in giro per l’America. Ebbe anche una carriera politica, diventando membro del consiglio comunale di Chicago e successivamente assessore. Nel 1942 fu candidato anche alle primarie, poi perse, per la carica di senatore. Scranno in Senato che occupò a lungo dopo la guerra.

L’arruolamento nei Marines

il Prof Paul Douglas, marine a 50 anni (foto Marine Corps)

(foto Marine Corps)

Durante il suo mandato da assessore, Douglas aveva lavorato con Frank Knox, editore del Chicago Daily News, alla lotta contro la corruzione nella ‘Windy City’. Quando Knox divenne Segretario della Marina, e dopo aver maturato la sconfitta alle primarie per il Senato, Douglas lo contattò e gli chiese di entrare nel corpo dei Marines, cinque mesi dopo l’attacco di Pearl Harbor. Con un piccolo aiuto da parte dell’influente amico, Douglas venne arruolato come soldato semplice. Voleva combattere per il suo paese, quindi approfittò delle sue conoscenze nella Us Navy per farlo.

I sergenti istruttori del Corpo dei Marines non risparmiarono il famoso economista, professore e politico cinquantenne. Poteva essere il loro padre per l’età, aveva cariche pubbliche e famiglia, ma non ci furono sconti. Paul Douglas superò il difficile addestramento dei marines e ne rimase molto compiaciuto tanto che ebbe a scrivere di aver completato il percorso «senza chiedere un momento di pausa e senza visitare l’infermeria».

Essendo quacchero praticante e consapevole che l’arruolamento nei Marines era contrario alla tradizionale testimonianza contro la guerra dei suoi confratelli, offrì loro le sue dimissioni, ma vennero rifiutate.

Dopo l’addestramento, Paul Douglas venne assegnato alla sezione di classificazione del personale del centro di Parris Island. In appena un mese divenne prima caporale e poi sergente. Sette mesi dopo l’arruolamento, grazie a una segnalazione del suo comandante, e all’amicizia con Frank Knox fu promosso capitano.

La guerra nel pacifico

Battaglia di Peleliu (ph Marine Corps)

Battaglia di Peleliu (ph Marine Corps)

Paul Douglas prese parte alla guerra nel pacifico, durante la battaglia di Peleliu, mentre prestava servizio come aiutante di divisione del 3 ° Battaglione, 7 ° Marines, il capitano Douglas si recò in prima linea per evacuare i feriti e i morti. Durante uno di questi viaggi vide che gli uomini avevano un disperato bisogno di lanciafiamme e munizioni per lanciarazzi. Tornò rapidamente nelle retrovie e consegnò a mano agli uomini le munizioni sotto colpi di mortaio pesante e armi leggere. Per queste azioni eroiche, Douglas venne decorato con una Bronze Star. A Peleliu Douglas ricevette anche un Purple Heart per essere stato ferito da una scheggia di granata.

Il prof. Douglas prese parte anche alla conquista di Okinawa, spesso ricordato dai Marines per aver corso sul campo di battaglia con il vigore di giovane. È stato promosso a maggiore durante la battaglia di Okinawa. E a Okinawa venne stato ferito per la seconda volta mentre, dopo aver messo al riparo la sua squadra di demolizione, stava dando una mano per rifornire di munizioni la prima linea. Venne colpito all’avambraccio sinistro da una mitragliatrice giapponese. Il colpo recise il nervo, tanto che ebbe problemi di motilità successivi. Venne evacuato dagli uomini che aveva dedicato la sua vita a servire; con la mano non ferita, si era tolto i gradi di maggiore dal colletto per non ricevere attenzioni particolari dai sanitari ai quali più volte chiese di aiutare per primi gli altri Marines, soprattutto i più giovani.

Il prof. torna a casa

Nonostante la ferita invalidante, Paul Douglas voleva in tutti modi tornare dai suoi uomini per continuare a combattere in prima linea. Fu ricoverato in ospedale a San Francisco e successivamente si trasferì a Bethesda, nel Maryland, dove ci vollero più di 14 mesi per essere dimesso dall’ospedale. Non fu ritenuto più idoneo per il combattimento per motivi medici, visto che aveva riacquistato solo parzialmente l’uso della mano sinistra. In tutte le operazioni nelle quali fu impegnato, Douglas rimase sempre accanto ai suoi uomini in prima linea. E anche durante il suo servizio fu d’esempio con piccoli gesti tanto da conquistarsi il rispetto dei sottoposti, stando con loro in fila per la mensa, e accompagnandoli in tutte le attività ordinarie per un Marine.

Sergenti Istruttori a Parris Island (U.S. Marine Corps photo by Sgt. Victoria Ross)

Sergenti istruttori a Parris Island (ph U.S. Marine Corps)

 

Per le  sue azioni coraggiose sotto il fuoco, fu promosso tenente colonnello un anno dopo essersi congedato nel gennaio del 1947. Dopo essere tornato a Chicago come eroe di guerra, Douglas diventò senatore dello stato dell’Illinois nel 1949. Durante la campagna elettorale, il suo avversario si rifiutò di prendere parte al classico confronto faccia a faccia davanti agli elettori. Così Douglas si sedette e fece un auto-dibattito contro una sedia vuota, cambiando posto e rispondendo per il suo avversario. Il prof sostenne il movimento per i diritti civili di Martin Luther King e per l’equità delle cure sanitarie per gli americani. Ha occupato lo scranno nel Senato Usa per 18 anni, fino a quando a 74 anni di età si è ritirato.

Nel 1977, gli è stato intitolato il centro visitatori di Parris Island. Sua moglie, Emily Douglas, ha parlato del tributo che Parris Island aveva elargito al suo defunto marito: «Nella sua vita mio ​​marito ha ricevuto molti onori. Ma niente lo avrebbe così toccato, stupito oltre che elettrizzato, come il suo nome associato alla base di Parris Island». Anche nelle sue cariche pubbliche Douglas ha continuato a difendere il Corpo dei Marines e ha mantenuto con orgoglio lo standard del Corpo dei Marines esposto in carica.

«Tutti noi abbiamo standard in base ai quali misuriamo gli altri uomini – ha detto uno dei suoi sottoposti, il Pfc Ison – Paul Douglas è uno degli uomini più raffinati, coraggiosi e veri che abbia conosciuto durante la mia vita. È stato un onore essere stato associato a lui, aver condiviso con lui il pericolo e aver osservato la sua nobiltà di carattere quando è stato ferito e gli è stato chiesto di essere lasciato indietro in modo che gli uomini più giovani potessero vivere».

Addestramento con i Pugil Sticks a Parris Island (U.S. Marine Corps photo by Cpl. Dylan Walters)

Addestramento con i Pugil Sticks a Parris Island (U.S. Marine Corps photo by Cpl. Dylan Walters)

Commentando l’importanza di onorare Douglas e le sue azioni dedicandogli un edificio, il Dr. Stephen Wise, il direttore del Parris Island History Museum ebbe a dichiarare: «È importante ricordare i Marines che hanno avuto un impatto e hanno influenzato il Corpo dei Marines in una direzione positiva . Douglas è stato la recluta più anziana che abbia mai varcato i cancelli di Parris Island, avrebbe potuto rimanere al sicuro sulla nave e ha scelto di non farlo; vogliamo che le persone ricordino questi uomini e le loro azioni».

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Seconda guerra
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet