Tallboy, stato di emergenza in Polonia per disinnescare la mega bomba. Ma è esplosa

2 weeks fa scritto da
La Tallboy (foto Royal Air Force)
img

La ‘Tallboy’ era una bomba enorme, la più potente con esplosivo convenzionale, 2,4 tonnellate, progettata durante la seconda guerra mondiale. Fino a ora non ne era mai stata disinnescata una. E nessuno riuscirà a battere questo primato. Perché l’operazione in corso in Polonia, con centinaia di cittadini evacuati e decine di artificieri di esercito e marina polacca, è terminata durante le operazioni di despolettamento con l’esplosione della bomba.

L'eplosione della bomba durante il disinnesco

L’eplosione  durante il disinnesco

L’ordigno, sganciato nel 1945 dai bombardieri della Raf impegnati in una missione contro le navi della Kriegsmarine, è stato ritrovato lo scorso anno durante lavori di dragaggio del porto cittadino di Swinoujscie, al tempo Swinemunde, che si trova nel nord est della Polonia, esattamente sul confine con la Germania.

Disinnescare la Tallboy

La marina polacca al lavoro per disinnescare la bomba (foto Marynarka Wojenna)

(foto Marynarka Wojenna)

“Nessuno ha mai despolettato una bomba del genere – aveva detto il portavoce della Marina polacca – le operazioni andranno avanti per tutta la settimana; i lavori vanno avanti a rilento perché a causa del rischio solo un sommozzatore può immergersi e portare avanti le operazioni di disattivazione”

La bomba si trovava in fondo al canale, a una profondità di 12 metri, spunta dalla sabbia solo il naso. Il lavoro di disinnesco era già annunciato come  particolarmente delicato, visto che la minima vibrazione avrebbe potuto farla scoppiare. Non si era scelta l’opzione di un’esplosione controllata perché l’onda d’urto avrebbe potuto  distruggere un ponte che si trova poco lontano.

La marina polacca al lavoro per disinnescare la bomba (foto Marynarka Wojenna)

(foto Marynarka Wojenna)

I sommozzatori della marina militare hanno tentato la combustione interna della carica d’esplosivo, usando un robot comandato a distanza per perforare il guscio della bomba e far iniziare la combustione dell’esplosivo. Invece non appena il robot è entrato in azione, le vibrazioni hanno innescato le tre spolette che equipaggiavano l’ordigno che è esploso provocando una enorme colonna d’acqua. Gli edifici hanno tremato, ma fortunatamente oltre al ponte salvo, non c’è stato nessun ferito.

La bomba Tallboy era progettata per perforare il bersaglio (bunker e navi da battaglia di preferenza) per poi esplodere dopo la penetrazione. A Swinemunde, la Germania Nazista aveva una delle sue più importanti basi navali nel baltico. L’area fu sottoposta a massicci bombardamenti da parte della Raf. Si voleva colpire in particolare l’incrociatore Lutzow che cannoneggiava la Polonia per fermare l’avanzata dell’Armata Rossa.

La marina polacca al lavoro per disinnescare la bomba (foto Marynarka Wojenna)

(foto Marynarka Wojenna)

Il raid aereo contro il Lutzow si tenne il 16 aprile 1945; la Raf inviò 18 bombardieri Lancaster dal 617 ° Squadrone, noto come “Dambusters”. I bombardieri sganciarono 12 Tallboy sul Lutzow, ma una non esplose;  uno degli aerei precipitò sull’isola di Karsibor, uccidendo tutti e sette i membri dell’equipaggio a bordo. La nave sopravvisse al raid, ma alla fine fu sequestrata dall’esercito sovietico e utilizzata per il tiro al bersaglio dopo la guerra. Affondò nel Baltico nel settembre 1947.

 Tallboy, le armi della seconda guerra mondiale

La Tallboy era una bomba a caduta libera. Di costruzione britannica venne usata dalla Royal Air Force durante la seconda guerra mondiale. Il suo peso di 12 000 lb (5.443 kg) ne fa una delle più pesanti bombe mai costruite. Non aveva sistemi di guida o di freno aerodinamico; arrivava sul bersaglio “in caduta libera”. Veniva trasportata sull’obiettivo dai bombardieri strategici Avro Lancaster opportunamente modificati, agganciando l’ordigno esternamente sotto la fusoliera, come per la Grand Slam di maggiori dimensioni.

(wikimedia)

Oltre alla potenza distruttiva la sua onda d’urto veniva impiegata per generare un’onda sismica che faceva collassare le strutture, riuscendo a distruggere anche bunker profondamente interrati e fortificazioni invulnerabili alle bombe di dimensioni minori. Per questo veniva chiamata Earthquake bomb.

Il progettista era l’ingegnere Barnes Wallys. Wallis presentò le sue idee per una bomba da 10 tonnellate nel suo articolo del 1941 ‘A Note on a Method of Attacking the Axis Powers‘, dove si dimostrava che una bomba molto grande che esplodeva in profondità accanto a un bersaglio avrebbe trasmesso lo shock alle fondamenta del bersaglio, soprattutto perché le onde d’urto vengono trasmesse attraverso il suolo più fortemente che attraverso l’aria.

La bomba era riempita con Torpex, una miscela esplosiva il 50% più potente del TNT. Il nome è l’abbreviazione di Torpedo Explosiv, essendo stata originariamente sviluppata per l’uso nei siluri, Torpex ha dimostrato di essere particolarmente utile nelle munizioni subacquee, poiché la componente di alluminio ha l’effetto di rendere l’impulso esplosivo più lungo, valorizzando la potenza distruttiva.

Per portare le megabombe, Wallis progettò il “Victory Bomber” di 50 tonnellate, in grado di volare a 320 mph (510 km / h) a 45.000 piedi (14.000 m) per trasportare la bomba pesante oltre 4.000 miglia (6.400 km), ma il ministero dell’Aeronautica si oppose a un aereo a bomba singola e l’idea non fu perseguita dopo il 1942.

La progettazione e la produzione della Tallboy fu fatta senza contratto su iniziativa del Ministero, seguendo il documento di Wallis del 1942 Spherical Bomb — Surface Torpedo e il progetto della “bomba rimbalzante” per i Dam Busters dell’operazione Chastise. La RAF usò bombe che non avevano acquistato contrattualmente e rimasero di proprietà di Vickers.

I successi del Tallboy furono l’attacco dell’Operazione Crossbow del 24 giugno 1944 a La Coupole, insieme alle Grande Slam, che minò le fondamenta del bunker di assemblaggio V-2 e un attacco Tallboy al tunnel di Saumur l’8-9 giugno 1944, quando le bombe entrarono  dritte nella collina ed esplosero all’interno del tunnel 60 piedi (18 m) sotto la superficie. L’ultima delle corazzate di classe Bismarck della Kriegsmarine, la Tirpitz, fu affondata da un attacco aereo usando Tallboys nell’Operazione Catechism.

Le Tallboy erano in gran parte realizzate a mano, richiedevano molto lavoro durante ogni fase di produzione. I materiali utilizzati erano costosi, con precisi requisiti di ingegneria nella fusione e nella lavorazione. Per aumentare la potenza di penetrazione, un grande tappo d’acciaio appositamente temprato doveva essere lavorato con precisione e accoppiato a una cavità nel naso della bomba. L’ogiva doveva essere perfettamente simmetrica per garantire prestazioni aerodinamiche ottimali. Non era un compito facile quando si manipolava un involucro di bomba delle dimensioni e del peso di un Tallboy.

Il ripieno di Torpex era stato versato a mano nella base dell’involucro capovolto dopo averlo sciolto in “bollitori”. La fase finale del riempimento esplosivo richiedeva che uno strato di un pollice di puro TNT fosse versato sopra il riempimento Torpex, seguito dalla sigillatura della base con uno strato di 4 pollici (100 mm) di composito di farina di legno con tre cavità cilindriche dotate di esplosivo booster e in cui sono state inserite tre micce chimiche a tempo quando la bomba era armata.

Lancaster trasporta una Grande Slam (foto IWM)

Le Tallboy non erano considerati sacrificabili e, se non usati in un raid, dovevano essere riportate alla base piuttosto che gettati in mare in sicurezza. Si riteneva che il valore dell’arma compensasse il rischio aggiuntivo per l’equipaggio. Dato il loro alto costo unitario, le bombe venivano usate esclusivamente contro obiettivi strategici di alto valore che non potevano essere distrutti con altri mezzi. Quando si scoprì che il Lancaster poteva essere modificato per trasportare una bomba più grande del Tallboy, Wallis produsse la bomba ancora più grande, la ‘Grande Slam’.

 

 

 

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Seconda guerra
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet