Al Baghdadi, il Pentagono dà i primi dettagli del raid

2 weeks fa scritto da
img

Raid Usa contro Al Baghdadi, arrivano le prime immagini. A renderle note il generale del Corpo dei Marines Kenneth F. McKenzie che ha fornito i dettagli del raid del 26 ottobre nella Siria nord-occidentale che ha provocato la morte di Baghdadi.

McKenzie ha affermato che la pianificazione del raid è iniziata molto prima. Ha detto che Baghdadi era un obiettivo prioritario per la coalizione e, di conseguenza, è stato oggetto di un intenso sforzo per renderlo alla giustizia: “Come è diventato chiaro che avevamo acquisito informazioni chiare sul suo nascondiglio, abbiamo sviluppato un piano progettato per catturarlo o ucciderlo e abbiamo iniziato a preparare una squadra operativa speciale per la missione”.

Il raid delle forze speciali

McKenzie ha dichiarato di aver informato i leader del Dipartimento della Difesa sull’intelligence e sul piano il 25 ottobre. Con l’approvazione del segretario alla Difesa Esper e del generale dell’esercito Mark A. Milley, il presidente del Joint Chiefs of Staff, ha informato Il presidente Donald J. Trump su tutti gli aspetti del piano, compresi i rischi connessi alla sua esecuzione.

La squadra delle operazioni speciali è stata messa in scena in Siria e lanciata contro un complesso isolato nella provincia di Idlib a circa 7 chilometri dal confine turco. Secondo l’intelligence americana Baghdadi aveva scelto di nascondersi nella provincia di Idlib per evitare l’intensa pressione esercitata sull’Isis nelle altre aree della Siria.

La squadra è stata inserita in elicottero e protetta da elicotteri d’attacco, droni e caccia. I militari erano a conoscenza che all’interno dell’obiettivo  avrebbero trovato bambini.

L’intervento nel compound di Al Baghdadi

Quando il trasporto truppe si è avvicinato  al complesso, gli elicotteri hanno ricevuto fuoco dai combattenti a terra, la minaccia è stata eliminata con due attacchi aerei da parte di elicotteri di supporto.

A quel punto la forza d’assalto ha circondato il complesso e ha esortato quelli all’interno a arrendersi pacificamente. “Coloro che sono usciti dall’edificio sono stati controllati per individuare armi ed esplosivi e si sono trasferiti – ha affermato McKenzie – Le forze statunitensi hanno arrestato e successivamente rilasciato i non combattenti. Il gruppo è stato trattato umanamente in ogni momento e includeva 11 bambini.”

Cinque membri dell’ISIS all’interno del complesso non si sono arresi e sono stati uccisi dai militari: in tutto quattro donne e un uomo”.

Le forze statunitensi hanno localizzato Baghdadi in un tunnel all’interno del complesso. Vistosi ormai braccato, il terrorista si è fatto esplodere, azionando il detonatore del giubbotto esplosivo che indossava, uccidendo se stesso e due bambini e facendo crollare parte del tunnel nel quale si era nascosto.

“Dopo l’omicidio / suicidio di Baghdadi, la forza d’assalto ha rimosso i detriti dal tunnel e ha assicurato i resti di Baghdadi per la verifica del DNA – ha detto McKenzie – i resti sono stati identificati con un test del Dna fatto sul posto positivamente. Il corpo è stato opportunamente seppellito in mare, in conformità con la legge sui conflitti armati”.

Gli aerei hanno distrutto il complesso in modo che non possa essere usato come un santuario per l’assassino, ha detto ai giornalisti il ​​generale. “Sembra un parcheggio con grandi buche”, ha detto McKenzie.

(video Courtesy of DoD)

Raid Al baghdadi forze speciali Usa (fonte Pentagono)

Il Compund di Al Baghdadi nel mirino dei droni Usa (fonte Pentagono)

Shares 0
Article Tags:
Article Categories:
Missioni internazionali · Uncategorized
img

Comments are closed.

0 Shares
Share
Tweet