Revolver Enfield n° 2 MK I, le armi della seconda guerra mondiale

2 weeks fa scritto da
img

La Enfield n° 2 fu la pistola d’ordinanza dell’esercito britannico e delle truppe del Commonwealth fino al 1957.

Ebbe l’ingrato compito di sostituire un revolver ‘mitologico’ come la Webley,

che accompagnò i soldati di sua maestà britannica dalla fine dell’Ottocento, e rimase in linea fino al 1963 dimostrandosi più longeva dell’altro revolver. Difficile dover sostituire un’arma mitica; l’Enfield n° 2 non è diventata così famosa come l’originale.

Tuttavia fu ritenuta nel complesso una buona arma; durante la seconda guerra il revolver top-break che utilizzava il proiettile .38/200, affiancò non sostituì la Webley Mk IV e la Smith & Wesson Victory Model revolver con camera dello stesso calibro.

La storia del revolver Enfield n° 2

Al termine della prima guerra mondiale, il governo britannico decise di alleggerire l’arma corta d’ordinanza. La scelta cadde su un revolver calibro 38, più piccolo e più leggero (9,2 mm) che sparasse un proiettile a piombo morbido da 200 grani (13 g), Quest’arma sarebbe stata preferibile alle Webley che usavano il ‘mastodontico’ .455 (11,6 mm). In lina il .455 aveva dimostrato di essere efficace per fermare i soldati nemici, ma il potente rinculo della cartuccia rendeva complicato l’addestramento al tiro.

L’obiettivo dei progettisti di sua Maestà era un revolver a doppia azione con meno peso e rinculo che potesse essere utilizzato da un soldato anche appena addestrato, con una buona probabilità di colpire un nemico con il primo colpo a distanze estremamente ravvicinate. A quel tempo, la cartuccia Smith & Wesson calibro 38 con un proiettile da 200 grani (13 g), noto come .38/200, era molto popolare per uso civile e di polizia.

Sulla base di queste specifiche la Webley & Scott propose il revolver Webley Mk IV in calibro .38/200. Piuttosto che adottarlo, le autorità britanniche presero il progetto per la fabbrica di armi di piccolo calibro gestita dal governo a Enfield, e la fabbrica di Enfield inventò una pistola che era molto simile alla Webley Mk IV .38, ma internamente leggermente diversa. La pistola progettata da Enfield fu rapidamente accettata con la denominazione Revolver, n° 2 Mk I, e fu adottata nel 1931, seguita nel 1938 dal Mk I * e infine il Mk I ** (semplificato per la produzione in tempo di guerra) nel 1942.

La Enfield n° 2 finisce in tribunale

Beffata in questo modo, Webley citò in giudizio il governo britannico per 2.250 sterline, quantificando i costi coinvolti nella ricerca e progettazione del revolver. Enfield si difese, sostenendo che la pistola in questione fosse progettata da H.C. Boys (l’Assistente sovrintendente del design, famoso per il Fucile anticarro) con l’assistenza di Webley & Scott, e non il contrario. Di conseguenza la loro richiesta fu respinta. La Webley tuttavia ricevette a titolo di compenso la metà della somma richiesta, ossia 1.250 sterline. Durante la guerra, la fabbrica d’armi di Enfield non fu in grado di fabbricare abbastanza revolver n. 2 per soddisfare le esigenze militari, e come risultato furono ordinate anche Webley’s Mk IV per l’esercito britannico.

Le varianti del revolver n° 2

C’erano due varianti principali del revolver Enfield No 2 Mk I. La prima era il Mk I *, che non aveva il cane, il che significava che non poteva essere abbassato con il pollice dal tiratore per ogni colpo. Era data in dotazione ai carristi. Si tratta del modello della gallery, nella disponibilità di Vincenzo Di Domenico Di Biancavilla di Traxarm. La seconda variante era la Mk I **. La produzione partì nel 1942; (l’arma era stata semplificata ancora per avere più esemplari) ma venne interrotta poco dopo a causa di problemi di sicurezza su alcune delle modifiche introdotte.

La maggior parte dei revolver Enfield n. 2 Mk I furono modificate in Mk I * durante la seconda guerra mondiale, generalmente per la riparazione o la manutenzione generale. Si ritiene che il motivo fosse che la versione Mk I * era più economica e più veloce da produrre. Con fuoco a doppia azione rapido a distanze molto ravvicinate, il revolver n° 2 Mk I * è piuttosto preciso, almeno quanto le altre pistole d’ordinanza del suo tempo. Tuttavia, non è la scelta migliore per i tiri mirati a lunga distanza. Alcuni armieri di unità proprio per questo motivo riportarono l’Enfield n° 2 Mk I * alla variante Mk I, ma questa non è mai stata una politica ufficiale e sembra sia stata fatta su base individuale. Nonostante ufficialmente dichiarati obsoleti alla fine della seconda guerra mondiale, l’Enfield (e i revolver Webley) non furono completamente eliminati a favore della Browning Hi-Power fino all’aprile 1969.

L’Enfield n. 2 è molto veloce da ricaricare – come tutti i revolver britannici a rottura dall’alto – grazie all’eiettore automatico, che rimuove simultaneamente tutti e sei i bossoli dal cilindro. L’esperienza di combattimento britannica durante la seconda guerra mondiale con i revolver Enfield .38/200 sembrò confermare che, “per il soldato medio”, il revolver poteva essere usato molto più efficacemente di quanto fosse ingombrante e pesante. In ogni caso i revolver Mk I * a doppia azione non furono popolari tra le truppe; molti presero la prima occasione possibile per scambiarla con una Smith & Wesson, Colt, o con una Webley.

Poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, le autorità britanniche si preoccuparono che il proiettile di piombo morbido fosse considerato come una violazione della Convenzione dell’Aia del 1899 che disciplina la deformazione o “proiettili esplosivi”. Si introdusse un nuovo proietto di piombo con rivestimento in metallo dorato

La diffusione dei revolver Enfield

La maggior parte delle revolver Enfield n. 2 sono state fabbricate dalla Enfield di RSAF (Royal Small Arms Factory), ma le necessità in tempo di guerra hanno fatto sì che l’arma fosse prodotta anche altrove. Albion Motors in Scozia realizzò l’Enfield No 2 Mk I * dal 1941 al 1943, dopo di che il contratto per la produzione passò a Coventry Gauge & Tool Co. Nel 1945, 24.000  Enfield No 2 Mk I * e Mk I ** revolver erano state prodotte da Albion / CG & T. La Singer Sewing Machine Company di Clydebank fabbricò componenti ma furono assemblati a Enfield; le parti sono contrassegnate come “SSM”. La Howard Auto Cultivator Company (HAC) nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, ha lavorato e iniziato a fabbricare i revolver Enfield No 2 Mk I * e I ** nel 1941, ma la produzione è stata molto limitata (stimata in circa 350 revolver in totale). Questi revolver sono rarissimi, e ricercati dai collezionisti.

Article Tags:
Article Categories:
Sistemi d'arma
img

Comments are closed.

95 Shares
Share95
Tweet