Un ballo americano anni ’40. Rievocazione in Svizzera. USO, una storia americana

4 weeks fa scritto da
uso picture
img

E’ l’evento della primavera 2019. Un ballo stile anni ’40 per rievocatori in divisa da libera uscita. In un castello della Svizzera. Lo organizzano i rievocatori del gruppo Valkyrie. Molti di noi li hanno conosciuti in giro per gli eventi organizzati nel nostro paese, un gruppo nutrito in particolare alla Colonna della Libertà. Armymag.it presenta l’evento, che vuole essere uno tra i più importanti tra quelli organizzati per i rievocatori

Loro ci stanno lavorando da un bel po’ di mesi; hanno pensato a un evento in stile USO, che si terrà la sera del 18 maggio prossimo allo Chateau de Vaulruz nel cantone svizzero di Friburgo. Sarà una serata a tema, riferita alle forze alleate. Il ballo è rigorosamente su invito, al costo di 100 franchi svizzeri a persona. L’iscrizione sarà limitata a 140 persone.

L’organizzazione chiede a chi vuole partecipare, di inviare una foto con l’uniforme che vorrà indossare per la serata. Ai partecipanti è richiesto contegno, rispetto per l’uniforme che indossano e dei luoghi nei quali si troveranno.

Il modulo d’iscrizione QUI

I fatti della storia: l’USO

Mary Ingraham (foto Wikipedia)

Uso, United Service Organizations, nasce nel 1941 in risposta a una richiesta del presidente Franklin D. Roosevelt di fornire supposrto morale al personale militare in uniforme degli Stati Uniti. La fondatrice, Mary Ingraham, riesce a mettere insieme sei organizzazioni civili: l’Esercito della Salvezza, l’Associazione cristiana dei giovani uomini (YMCA), l’Associazione cristiana delle giovani donne (YWCA), il Servizio della comunità cattolica nazionale, l’Associazione nazionale dei soccorsi dei viaggiatori e il National Jewish Welfare Board.

Centri USO vennero aperti in tutto il mondo, dove i militari Usa erano impegnati a combattere, erano sentiti come una “casa lontano da casa”. Il club USO organizzava balli ed eventi sociali, c’erano film e musica, caffè e ciambelle, e uno spazio tranquillo dove scrivere una lettera a casa.

Durante la seconda guerra mondiale, iniziò la tradizione di intrattenere le truppe che continua oggi. Il coinvolgimento nell’USO è stato uno dei molti modi in cui la nazione si è unita per sostenere lo sforzo bellico, con circa 1,5 milioni di persone che hanno offerto volontariamente i loro servizi. L’organizzazione particolarmente famosa per le sue esibizioni dal vivo, chiamate sfilate, attraverso le quali l’industria dell’intrattenimento contribuì a rafforzare il morale dei suoi soldati e delle donne. Hollywood in generale era desiderosa di mostrare il suo patriottismo e molte celebrità famose si unirono ai ranghi degli intrattenitori di USO. Si esibivano in basi militari a casa e all’estero, a volte mettendo in pericolo la propria vita.

Nel suo momento culminante nel 1944, l’USO aveva più di 3.000 club che mettevano in scena 700 spettacoli al giorno. Secondo lo storico Paul Holsinger, tra il 1941 e il 1945, l’USO fece 293.738 esibizioni in 208.178 visite separate. Le stime erano che più di 161 milioni di militari e donne, negli Stati Uniti e all’estero, avessero assistito a uno spettacolo. L’USO ha fatto anche spettacoli negli ospedali militari, dando conforto a più di 3 milioni di soldati e marinai feriti in 192 diversi ospedali. C’erano 702 diverse compagnie di USO che giravano il mondo, alcune delle quali passavano fino a sei mesi per tour. Ventisei artisti morirono nel corso dei loro tour, da incidenti aerei, malattie o malattie contratte durante il tour. In un caso del genere, nel 1943, un aereo che trasportava una troupe USO si schiantò al di fuori di Lisbona, uccidendo la cantante e attrice Tamara Drasin e ferendo gravemente la cantante di Broadway Jane Froman. Froman tornò in Europa con le stampelle nel 1945 per intrattenere di nuovo le truppe. In seguito sposò il copilota che le salvò la vita in quell’incidente, e la sua storia fu divenne un film del 1952 With a Song in My Heart, con la Froman che fornì la sua voce per il canto.

Dopo essere stato sciolto nel 1947, fu rianimato nel 1950 per la guerra di Corea, da allora continua a fornire servizi sia in tempo di pace, sia nelle basi americane all’estero, sia nelle zone di combattimento dove i militari Usa sono stati impegnati.

Ancora oggi l’USO ha oltre 200 sedi in tutto il mondo. Si stima che nei 77anni di vita dell’associazione, almeno 35 milioni di americani abbiano assistito agli spettacoli o abbiano usufruito dei servizi offerti.

Article Tags:
Article Categories:
Rievocazioni
img

Comments are closed.

6 Shares
Share6
Tweet