Sten silenziato, le armi della seconda guerra mondiale

3 months fa scritto da
img

E’ l’emblema dei commando inglesi. Lo sten con silenziatore, utilizzato fino agli anni ’80 ma ideato nel pieno della II guerra mondiale.

La Royal Small Arms Factory costruì la prima pistola mitragliatrice Sten con silenziatore dopo la richiesta del quartier generale delle operazioni speciali, dal quale dipendevano i commandos, per un’arma da utilizzare in missioni clandestine che richiedevano molta potenza di fuoco.

I primi esperimenti con il silenziatore del fucile mitragliatore Thompson, – l’arma preferita dalle forze speciali inglesi all’inizio della guerra, furono fallimentari. A quel punto la Royal Small Arms Factory prese in carico la questione progettando uno Sten l’Mk II che incorporava un silenziatore integrale, Si trattava di uno dei primi esempi di un fucile mitragliatore con silenziamento incorporato. Il Ministero della Guerra ha battezzato l’arma “Carbine, m / c Sten, 9mm Mk2 (S)”. La “S” stava per “scopo speciale”.

Il difetto dello Sten silenziato

Tutto intorno alla canna esterna dell’arma furono sistemati dei deflettori che potevano far espandere e dissipare i gas dello sparo. Per garantire un ciclo di fuoco affidabile, gli ingegneri alleggerirono l’otturatore dell’arma e rimosso diversi anelli della molla di rinculo. Il silenziatore riduceva la velocità del proiettile alla volata da circa 365 metri al secondo a 300 metri al secondo, ben al di sotto della velocità del suono.

Con fuoco prolungato, la canna e il silenziatore si riscaldavano rapidamente. I progettisti hanno provato a contrastare il surriscaldamento ricoprendo il silenziatore con tela canvas. Ma il vero problema è che l’uso prolungato dell’arma con il conseguente surplus di calore bruciava rapidamente il silenziatore rendendolo inefficace.

Il primo uso dello sten silenziato fu nel teatro europeo. Era il 1943, nelle mani degli agenti di prima linea del SOE. Le armi hanno anche visto l’azione in Estremo Oriente e con speciali reparti di ricognizione.

Sten, evoluzione della specie

L’evoluzione della specie, come si può vedere anche dalla gallery dei due esemplari nella disponibilità di Vincenzo di Domenico di Biancavilla, ha portato a uno Sten Mk V e all’Mk VI (S) . Quest’ultimo modello ha combinato il calcio e l’impugnatura in legno dell’Mk V, oltre all’impugnatura in tela pesante sul silenziatore presente sul Modello II. In questo caso il silenziatore era più corto del precedente, ma era più difficile da smontare e manutenere.

Gli Sten silenziati erano estremamente efficaci. Il difetto è che non si poteva sparare a raffica continua: l’unico modo per evitare il surriscaldamento era la cadenza a colpo singolo o due colpi. Questo oltre a permettere una maggiore precisione, non comprometteva la funzionalità del silenziatore.

Ma nonostante questo fu un’arma leggendaria. Tanto che anche il celeberrimo colonnello SS Otto Skorzeny, che prese parte alla liberazione dalla prigione del Gran Sasso di Benito Mussolini nel 1943, fece di tutto per ottenere uno Sten silenziato. «Quali splendide possibilità ha offerto l’uso di questi silenziatori – ebbe a osservare dopo averne ottenuto uno – quali perdite potrebbero salvare e quali pericoli potrebbero evitare! Che meraviglia, in caso di un incontro inaspettato con un distaccamento nemico, essere in grado di sparare senza che i colpi attirino l’attenzione di altri gruppi nemici!»

Lo sten (s) nel dopoguerra

I tedeschi hanno catturato un certo numero di Mk. II (S) durante la guerra. Li chiamarono “MP 751 (e).” Gli inglesi produssero 5.776 Mk. II (S) e 24.824 Mk. VI (S) s durante la guerra. L’esercito britannico ha ufficialmente dichiarato il Mk. II (S) obsoleto nell’aprile 1945. Eppure l’arma rimase in servizio per diversi decenni. L’esercito britannico li utilizzò nelle operazioni di controinsurrezione in Malesia e in Kenya durante gli anni ’60. Una versione silenziata del fucile mitragliatore Sterling, la L34A1, sostituì formalmente gli Sten nel 1966, ma unità di comando come il SAS rimasero per molti anni sui loro Sten (s).

Non erano soli. La SAS australiana ha utilizzato entrambi i Mk. II (S) e Mk. VI in Vietnam negli anni ’60. Le unità statunitensi del comando di assistenza militare Vietnam, Special Operations Group ricorsero agli sten silenziati per operazioni clandestine come ricognizioni a lungo raggio, sequestro di prigionieri e assassinii. Il punto di forza era che quest’arma poteva essere facilmente smontato e riposto in modo compatto in uno zaino. Le forze speciali dell’esercito britannico alla fine sostituirono i loro Stens con MP5 silenziati solo negli anni ’80.

Article Tags:
Article Categories:
Sistemi d'arma
img

Comments are closed.

14 Shares
Share14
Tweet